Credito Ora: Ascomfidi Brescia ti segue nella richiesta del contributo

credito-ora
Si chiama Credito Ora la nuova misura di Unioncamere Lombardia per l’abbattimento dei tassi di interesse per favorire la liquidità delle micro e piccole imprese nei settori dei servizi di ristorazione per importi fino a € 30.000.
Credito Ora è un contributo a fondo perduto per le imprese che stipulano un contratto di finanziamento, a decorrere dal 16 ottobre 2020, volto all’abbattimento degli interessi fino al 3%, per un massimo di € 2.500, e un rimborso di massimo € 300,00 a copertura di eventuali costi di garanzia Confidi sostenuti.
Le risorse disponibili sono pari a 22 milioni di euro.
Credito Ora è rivolto esclusivamente ad imprese aventi codice ATECO primario:
👨‍🍳56.10.10: ristorazione con somministrazione;
🥡56.10.20: ristorazione senza somministrazione;
🍧56.10.30: gelaterie e pasticcerie;
🍸56.30: bar e altri esercizi senza cucina.
🏆Negozi e botteghe storiche riconosciute da Regione Lombardia;
Visualizza il bando del contributo Credito Ora
Contattaci o seguici su Facebook per maggiori informazioni!
Read More

Ascomfidi Brescia, scopri il nuovo sito internet

Nuovo sito web Ascomfidi Brescia

Benvenuti nel nuovo sito di Ascomfidi Brescia.

Abbiamo deciso di rinnovare il nostro sito aziendale al fine di permettervi un migliore accesso ai nostri servizi ed alle notizie più importanti sui temi di accesso al credito, finanziamenti, agevolazioni, contributi pubblici e consulenza finanziaria.”

Per qualsiasi contributo al miglioramento di questo sito o per avere maggiori informazioni sui nostri servizi di garanzia alle imprese contattateci.

Seguiteci sui nostri social: Facebook

Read More

Nuova pagina facebook Ascomfidi Brescia

Parte Fase-2: i nostri uffici riaprono con gradualità di servizio e con prosecuzione di alcune attività in smart working

Read More

Ascomfidi Brescia: con il Fondo di Garanzia per l’emergenza Covid-19

fondo-garanzia-covid-19

Ascomfidi Brescia, per il tramite del network Asconfidi Lombardia, rilascia garanzie riassicurate dal Fondo di Garanzia al fine di permettere l’accesso al credito alle MPMI colpite dall’emergenza Covid-19.

Le imprese possono infatti richiedere, tramite gli istituti di credito convenzionati, una garanzia per un finanziamento e/o linee a breve termine per una copertura fino al 100% del finanziamento bancario.

In seguito al Decreto Liquidità infatti il Fondo di Garanzia si è attivato in aiuto delle imprese concedendo garanzie e riassicurazioni agli istituti di credito per poter finanziare le aziende italiane.

Le possibilità di intervento sono molteplici: misure “Lettera M” per finanziamenti fino a € 30.000 con tasso calmierato, misure di “Lettera D” per finanziamenti di importo superiore ad € 30.000 con garanzia del Fondo di Garanzia al 90%, misure di “Lettera N” per finanziamenti assistiti da una garanzia del confidi al 100% e riassicurazione del Fondo di Garanzia al 90% e misure di “Lettera E” per finanziamenti destinati al consolidamento di passività in essere presso gli istituti di credito maggiorati di una liquidità pari ad almeno il 25% del consolidamento.

Per avere maggiori informazioni sui nostri servizi di garanzia alle imprese contattateci.

Seguiteci anche su Facebook.

Read More

Guida per le imprese

Read More

Decreto Cura Italia

Con il comma 1, l’epidemia da Covid-19 viene riconosciuta come evento eccezionale e di grave turbamento dell’economia, ai sensi dell’articolo 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea e questo permette di attuare una serie di misure a beneficio delle micro e PMI che vengono definite nei successivi commi.

In particolare, con riferimento alle esposizioni debitorie delle micro piccole e medie imprese nei confronti di banche, di intermediari finanziari 106 e degli altri soggetti abilitati alla concessione di credito:
1) l’impossibilità di revoca di aperture di credito e prestiti a fronte di crediti esistenti alla data del 29.2.2020;
2) la proroga fino al 30.9.2020 per prestiti non rateali; la sospensione fino al 30.9.2020 delle rate e dei canoni di mutui e altri finanziamenti rateali, leasing scaduti prima di tale data e il piano di rimborso è dilazionato in modo da non comportare nuovi o maggiori oneri;
3) la possibilità di sospendere solo il rimborso del capitale; l’applicabilità delle disposizioni è prevista per le sole esposizioni debitorie non qualificate come deteriorate alla data di pubblicazione del decreto.

A questo scopo, le imprese sono tenute ad autocertificare – in forma di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (art. 47 – D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445), corredata di copia di Documento di identità – una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia, con conseguente contrazione della liquidità aziendale. (ALLEGATO UN FAC-SIMILE DI AUTODICHIARAZIONE DA PRESENTARE MEZZO PEC ALLE BANCHE PER LA RICHIESTA).

Moratoria decreto Cura Italia.pdf

Read More

MIsura M art 13.1 del D.L. 8/4/2020

Read More

DL liquidità – spiegazioni da parte del fondo

PMI-DLIQUIDITA’.pdf

Read More

Comunicato stampa ABI – 16/4/2020

Read More

Comunicato stampa emergenza COVID-19

COMUNICATO STAMPA EMERGENZA COVID-19

FINANZIAMENTI DEDICATI AGLI ESERCIZI COMMERCIALI E ALLE
IMPRESE TURISTICO ALBERGHIERE DI BRESCIA
COLPITI DALLE CONSEGUENZE DELLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS

Comunicato stampa.pdf

Read More